Tonica J.Gasco 13.5

Ho deciso di parlarvi di questa tonica principalmente per due motivi. Il primo è ovviamente legato alla storia dietro al marchio, perchè è una via di mezzo tra Peakey Blinders e il Padrino, quindi mi ha gasato come un drago delle ande tanto che prima di assaggiarla mi sono messo una coppola e ho riniziato a fumare. La seconda è che siccome in questo momento di quarantena sono diventati tutti sportivi ho pensato di selezionarne una variante specifica in grado di catturare l’attenzione dei numerosissimi workouter e a breve capirete il perchè.

LOGO-j-gasco-boca-dolza

Ma partiamo dall’inizio, erano i primi anni del ‘900 e Giuseppe Gasco era il piu piccolo di nove fratelli nati da Maria e Antonio Gasco un farmacista conosciuto e rispettato. Ci troviamo a Gallipoli nella nostra bellissima Puglia dove il piccolo Giuseppino passava diverso tempo con il Padre in bottega a preparare pozioni e tonici.

Purtroppo l’arrivo della guerra travolse la vita di Giuseppe e di tutta la sua famiglia,  vennero a mancare il padre Antonio che si era arruolato per andare a combattere e un fratello per una brutta malattia. Momenti decisamente bui i quali portarono la famiglia Gasco a trasferirsi a Chicago dal fratello della mamma, il grande Zio Vito.

Vito dirigeva una grossa azienda di autotrasporti nella quale prese a lavorare Giuseppe rinominato dallo zio “Joseph” , e siccome il nostro Giuseppino era una ragazzo piuttosto sveglio, non ci mise molto a capire che l’azienda era una copertura del vero business, e cioè il commercio di alcolici. Ebbene si, siamo nel pieno del proibizionismo in America e lo Zio Vito con l’aiuto di Joseph portano avanti una delle più grosse imprese sugli alcolici di contrabbando di quel tempo rifornendo gli Spekeasy da Chicago fino a Nyc.

1920sSpeakeasy

A quei tempi la qualità degli alcolici era decisamente più grezza rispetto ad oggi e Giuseppe se ne accorse subito osservando sopratutto le donne che facevano una gran fatica a bere. E voi direte, si ma che tipo di fatica? Un tipo di fatica di quelle grosse che sembrava che stessero bevendo dell’acquaragia. Allora Giuseppe grazie alle nozioni apprese dal Padre farmacista decise di creare delle bevande da miscelare all’alcool per renderlo più piacevole, e da li il successo, fiumi di toniche e bevande aromatizzanti tanto che anche le donne si svampavano i drink a “gagganella” come direbbe Aldo Baglio.

Ci fu poi la fine del proibizionismo, ma quello che contraddistinse le bevande di Joseph Gasco da Gallipoli ( per quello “UOMOGALLO” ) era la qualità e la cura delle spezie che Giuseppe impiegava per la creazione delle sue bevande.

tonica-j-gasco-boca-dolza

Questa è la storia dietro al marchio che ha ispirato due amici imprenditori che nel 2013 hanno deciso di creare una tonica premium totalmente italiana.

Ho deciso di parlarvi di una variante specifica di questa tonica, chiamata 13.5 Evia. Questo numero non identifica la temperatura di servizio ne tantomeno l’altezza della bottiglietta, ma bensì le calorie che sono racchiuse dentro questa premium italiana classificandola come una delle toniche con il più basso contenuto di calorie in commercio grazie all’utilizzo della stevia. Ma le particolarità non sono finite perchè oltre ad essere light e anche aromatizzata alle bacche di ginepro. Quindi amici se avete intenzione di bervi otto Gin Tonic al giorno senza prendere un etto andate alla ricerca di un mago o di un bravo stregone perchè è impossibile, però con una tonica light probabilmente i vostri scintillanti addominali vi ringrazieranno.

Conclusione

Storia coinvolgente dietro al marchio che riporta ai tempi del proibizionismo e degli speakeasy, idea più che condivisa quella di produrre in Italia prodotti di qualità senza conservati e coloranti, pochissime calorie che possono interessare i nostri amici fit e non, gusto secco e  leggero sentore di ginepro che da la possibilità di essere la compagna ideale per parecchi Gin. A gusto personale l’avrei preferita con una bolla più aggressiva, ma a parte questo il ginepro è davvero delicato e il gusto è molto buono.

Per tutti quelli che fossero interessati qui di seguito potete trovare i contatti diretti:

WebMail

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...